Convegno: DIPENDENZA: QUELLA AFFETTIVA E TUTTE LE ALTRE

pubblicato in: Eventi, Senza categoria | 0

La addiction prone personality nelle sue diverse espressioni

Milano, 14 – 15 novembre 2014 Università Milano Bicocca Padiglione U9-1, Via dell’Innovazione n.10

con il patrocinio di:

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MILANO “BICOCCA”

DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA

FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOTERAPIA-FIAP

FEDERAZIONE ITALIANA DEGLI ISTITUTI E SCUOLE DI GESTALT-FISIG

ALEA- ASSOCIAZIONE PER LO STUDIO DEL GIOCO D’AZZARDO E DEI COMPORTAMENTI A RISCHIO

ASSOCIAZIONE ORTHOS

CAMPAGNA “METTIAMOCI IN GIOCO”

ASSOCIAZ.  DEI GIOVANI PSICOLOGI DELLA LOMBARDIA

Promuovono un convegno su:

DIPENDENZA: QUELLA AFFETTIVA E TUTTE LE ALTRE

La addiction prone personality nelle sue diverse espressioni

Milano, 14 – 15 novembre 2014

Università Milano “Bicocca di Milano – Padiglione U9

La “dipendenza”, nelle sue varie forme, sembra essere un male epidemico dei nostri tempi.

Siamo diventati più fragili avendo avuto condizioni di vita più tutelate (se non iperprotette), le incertezze sui valori e gli stili di vita della nostra società “liquida”, come suggerisce Bauman, ci portano ad aggrapparci a sostanze, rituali o persone in modo più regressivo ed infantile?

O siamo sempre stati esposti a questo dipendere dal clan familiare, dal gruppo e ci sentiamo quindi più soli nel processo di individuazione-solitudine a cui una cultura più individualistica ci condanna?

Questa impressionante deriva dei nostri comportamenti che è esplosa negli anni ’70 con le dipendenze dagli oppiacei, poi scivolata verso altre sostanze psicoattive ed un ritorno dell’alcol, si è spostata nell’ultimo decennio verso le cosiddette “dipendenze comportamentali”, prime fra tutte il gioco d’azzardo a cui si affianca ora massicciamente quella da internet, smartphone e socialnetworks.

Ma all’origine di tutte le forme di dipendenza emergono i tratti di un profilo di personalità riconducibile al “carattere orale” o alla addiction prone personality che trova conferma da numerosi studi di derivazione psicoanalitica e sistemico-relazionale che sembrano convergere nel riscontrare, all’origine di tale personalità, una costellazione familiare di tipo “edipico” contraddistinta dalla ipertrofia del ruolo svolto dalla figura materna unitamente ad una frequente carenza-assenza di una figura paterna.

Sempre più spesso, ancora, l’approfondimento clinico evidenzia una condizione di dipendenza che, al di là della fenomenologia nella quale si esprime, rimanda ad una dipendenza affettiva che ne rappresenta spesso la matrice originaria.

A questo punto … siamo tutti dipendenti affettivi? E quale il confine tra il pathos così inscindibile da eros e le forme di patologia che vanno oltre la “normale follia” della possessione amorosa o dell’”attaccamento” affettivo?

E come aiutare coloro che ne sono affetti (noi compresi, magari …) a trovare in noi stessi quelle risorse e quel nutrimento affettivo che ci ostiniamo a pretendere ci venga dato da altri?

A questi e ad altri quesiti così tipici del nostro tempo cercheranno di dare stimoli di riflessioni alcuni dei professionisti più accreditati nelle diverse forme della psicoterapia, delle dipendenze e delle scienze umane.

LOCANDINA DEL CONVEGNO

SCHEDA DI ISCRIZIONE

ELENCO WORKSHOP

ABSTRACT FORM